Archivi tag: Rivoluzione Civile

Io voto utile

INGR LOGO QUARTO STATO1E7okA4
Ancora una volta, come nel 2008, in questa campagna elettorale i due principali partiti – PD e PDL – hanno riproposto il tema del voto utile. In tv, nei comizi nazionali e nelle remote riunioni di campagna li si è uditi sbraitare contro i soliti “nemici”: per Berlusconi magistrati e “comunisti”, per Bersani lo spettro di Berlusconi.

L’affermazione che un voto sia più utile dell’altro dovrebbe lasciare il tempo che trova, essendo totalmente antidemocratica. Tra l’altro, come il PD sa, non c’è nessuna possibilità che Berlusconi vinca le elezioni. E come il PD sa, e dovrebbero ricordare tutti, con Berlusconi loro hanno governato oltre un anno, smontando lo statuto dei lavoratori, creando 350mila esodati, approvando la vergogna del Fiscal Compact, votando per l’acquisto degli inutili (ma costosissimi) Caccia F35. Quale utilità hanno portato ai cittadini queste misure?  Va da sé inoltre che per nessuna ragione un voto deve essere utile all’eletto, ma che lo debba essere semmai per l’elettore. Ad ogni modo chi si fregia – nel nome – del “titolo” di democratico la pensa diversamente, ritenendo che la governabilità sia un valore assoluto, comunque vada e a qualsiasi condizione.

Per me non è così. E il mio voto – utile per me – andrà a Rivoluzione Civile. Perché, al netto delle inutili polemiche su Ingroia, ha un programma che mi rappresenta molto (Totalmente? No, è chiaro): patrimoniale, no alla Tav, rinegoziazione del Fiscal Compact, blocco delle spese militari, ritiro delle truppe in guerra, ripristino del contratto di lavoro a tempo indeterminato come regola (e non come rara eccezione), lotta alla mafia e ai grandi corruttori (e ricordo che è in questo senso che va interpretata la legalità che noi auspichiamo, non certo per mettere in galera chi manifesta e protesta anche con molta rabbia) ecc ecc….  Naturalmente non sono nato ieri e so bene che nella pattuglia di parlamentari che eleggeremo potranno esserci dei “traditori”, ma non per questo intendo rinunciare al voto. Sono convinto che se ha un senso questa croce su “Rivoluzione Civile”, quel senso sia aver gettato un seme. Da questo seme spero che rinasca in tutta Italia un movimento forte, chiaramente finalizzato a cambiare questo modello di sviluppo, che ci hanno detto essere l’unico possibile. Un movimento anticapitalista (curiosità: questa parola mi è stata sottolineata di rosso, come fosse inesistente, ndr). Perché accada sarà necessario che i nostri siano coerenti, anche nel denunciare le schifezze che fino ad ora, per 5 anni, abbiamo ignorato quotidianamente, essendo il più delle volte passate con il consenso di tutti e nel silenzio generale: ad esempio il Fiscal Compact. Anche da questo si genera la possibilità di organizzarsi e ricominciare a marciare verso una direzione alternativa, uscendo dai binari nei quali finora ci hanno obbligato a correre.

Ecco, per me questo voto a Rivoluzione Civile sarà utile per questo.

Annunci